.
Call of Duty Pro chiama Scrim Indiscipline;  Il censore affronta il problema del pensionamento
 

Call of Duty Pro chiama Scrim Indiscipline; Il censore affronta il problema del pensionamento

Call of Duty League è già attiva e funzionante nel suo secondo anno. Dopo il dramma a cui abbiamo assistito nella prima edizione, era probabile che aumenterà solo nella prossima. Questo è esattamente ciò che accade ogni nuova settimana, sia negli incontri che dietro le quinte.

I professionisti si sono erroneamente chiamati imbroglioni, si sono scambiati commenti inutili e molto altro ancora. Tuttavia, oggi Sam ‘Octane’ Lathrew ha affrontato un problema unico sul suo .. Dopo essere stato trattenuto per oltre un’ora in mischia con i London Royal Ravens, Octane ha espresso la sua rabbia per l’indisciplina dei giocatori professionisti di Call of Duty.

Questo, tuttavia, non è un problema recente e abbiamo trovato diversi casi nella prima edizione stessa. Octane, che faceva ancora parte del Seattle Surge, era in ritardo di molti anni rispetto agli scrims competitivi.

La recluta della NYSL, Clayster, gli ha ricordato proprio questo fenomeno oggi.

Ciò ha portato a una sfilza di commenti da Clayster e Octane, con il filo che si allungava inutilmente. Tuttavia, Octane si è affrettato a reagire, dicendo che non era colpa sua se Surge non era mai puntuale. Quello che voleva dire era Karma, che si è ritirato più tardi dalla squadra e Octane e co. non erano mai più in ritardo per gli scrims. Infine Karma egli stesso è saltato nella discussione.

Mentre la maggior parte dei professionisti trasmette in streaming i propri scrims, molti hanno accusato altri di giocare a Warzone e di non aver preso parte a detti scrims. Il torneo ha molta strada da fare e quindi tirarsi indietro perché molto altro dramma deve ancora arrivare.

Leggi di più– Call of Duty Warzone vede l’ennesima ondata di divieti mentre i giocatori attendono un anti-cheat

Il censore parla del ritiro da Call of Duty

Censor si è rivolto ancora una volta al suo pubblico sulla questione del pensionamento che lui stesso solleva ogni tanto. Recentemente, ha sollevato di nuovo lo stesso problema e ha detto al suo pubblico che crede di poter diventare un professionista e un creatore di contenuti allo stesso tempo.

Crede di avere ancora molto da offrire a qualsiasi squadra di cui fa parte.

“Non sono affatto una superstar di Call of Duty come Simp o Abezy. […] Andrò in una partita e diventerò il miglior giocatore in ogni lobby. Non ho quel tipo di talento da superstar. Ma ho intangibili che porto a una squadra di cui ogni singola squadra ha bisogno “.

Censor crede di poter avere di nuovo successo e quindi non dovrebbe esserci motivo per ritirarsi da CoD in qualunque momento presto. Guarda il suo video esclusivo sull’argomento qui sotto.

Leggi di più– Call of Duty Warzone: le migliori classi per la stagione 2 Reloaded

Publicidad
Publicidad
Publicidad Reglas de los comentarios: 1 - Todos los comentarios se moderan y luego se publican 2 - No están permitidos los nombres malsonantes 3 - Los comentarios que no respeten a otros usuarios no se publicarán 4 - Los comentarios que no respeten el trabajo de los redactores no se publicarán 5 - Si quieres que se edite o borre un mensaje tuyo, responde a dicho mensaje y en un máximo de 24 horas será editado/borrado. 6 - Es recomendable que ordenes los comentarios por "nuevos" para ver las últimas respuestas.
0 Comentarios
Inline Feedbacks
View all comments
0
¿Necesitas algo? Déjanos un comentario!x