.
Call of Duty Warzone vede l’ennesima ondata di divieti mentre i giocatori attendono un anti-cheat
 

Call of Duty Warzone vede l’ennesima ondata di divieti mentre i giocatori attendono un anti-cheat

I giocatori stanno ancora lottando mentre provano a giocare a Call of Duty Warzone a causa di tutti gli hacker. Invece di utilizzare un anti-cheat nel gioco, Activision e Raven Software stanno bandendo manualmente i cheat. Ad oggi, ci sono state più ondate di ban e gli sviluppatori hanno limitato in modo permanente più di mezzo milione di account.

Proprio ieri, Software Raven ha annunciato l’ennesima ondata di divieti. Questa volta gli sviluppatori hanno bandito altri 15.000 account da Call of Duty Warzone. Inoltre, hanno anche affermato che in futuro arriveranno altre ondate di divieti. Tuttavia, anche dopo questo, i giocatori non sono contenti.

I ban manuali aiutano a ripulire Call of Duty Warzone?

Bandire manualmente i giocatori non è la soluzione al problema degli hacker in Warzone. Essendo un gioco gratuito, i giocatori possono semplicemente creare un altro account e continuare ad hackerare. È altamente possibile che quelli inclusi nel recente divieto fossero nuovi account degli hacker che Raven aveva precedentemente bandito.

Inoltre, fino a quando gli sviluppatori non identificano e bandiscono effettivamente questi hacker, riescono con successo a rovinare l’esperienza di migliaia di altri. Un anti-cheat adeguato garantirà che ciò non accada, poiché gli hacker riceveranno divieti istantanei proprio come in altri giochi importanti.

In definitiva, anche se lo studio sta compiendo sforzi costanti per tenere gli hacker lontani dal gioco, questi divieti manuali non sono una soluzione permanente. Inoltre, i ban manuali hanno anche la portata degli errori umani, qualcosa che persino il famoso streamer di Twitch Nickmercs ha sottolineato in precedenza.

I ban manuali includono anche giocatori legittimi

Un problema serio che molti giocatori hanno sottolineato è che questi divieti manuali spesso includono persone innocenti. Molti di questi si sono rivolti a Nick per chiedere aiuto, che ha inviato un video messaggio esortando Activision a correggere il suo algoritmo. I giocatori che spendono soldi per skin, operatori e altri materiali di gioco finiscono per perdere tutto nel caso in cui vengano bannati.

Un anti-cheat funzionale sarà molto meglio che identificare gli hacker utilizzando software di terze parti. Pertanto, ignorerebbe i giocatori che sono appena stati fortunati nelle lobby più facili, specialmente se hanno giocato con i loro amici alle prime armi.

Call of Duty Warzone è di gran lunga il progetto più appassionato di Activision. Pertanto, se lo studio vuole garantire la longevità del gioco, deve assicurarsi che ascolti i giocatori e risolva i problemi di masterizzazione con una soluzione più permanente.

LEGGI ANCHE: Call of Duty Warzone: i migliori equipaggiamenti del gioco dopo l’aggiornamento ricaricato della stagione 2

Publicidad
Publicidad
Publicidad Reglas de los comentarios: 1 - Todos los comentarios se moderan y luego se publican 2 - No están permitidos los nombres malsonantes 3 - Los comentarios que no respeten a otros usuarios no se publicarán 4 - Los comentarios que no respeten el trabajo de los redactores no se publicarán 5 - Si quieres que se edite o borre un mensaje tuyo, responde a dicho mensaje y en un máximo de 24 horas será editado/borrado. 6 - Es recomendable que ordenes los comentarios por "nuevos" para ver las últimas respuestas.
0 Comentarios
Inline Feedbacks
View all comments
0
¿Necesitas algo? Déjanos un comentario!x